Diarrea
Aumento della frequenza delle scariche intestinali o del loro contenuto di acqua, sintomo di una situazione anomala che può essere dovuta a molte cause. Di solito, infatti, il colon assorbe gran parte dell'acqua presente nel cibo che lo attraversa. Se compare la diarrea, vuol dire che il contenuto intestinale attraversa il colon troppo rapidamente o che l'intestino tenue è irritato.
La diarrea acuta è un disturbo abbastanza frequente e spesso banale, compare all'improvviso e in genere dura da qualche ora a due-tre giorni senza bisogno di cure particolari. Quella cronica si presenta come una serie di attacchi ripetuti di diarrea acuta e va sempre segnalata al medico.
La causa più comune della diarrea acuta è l'ingestione di acqua o alimenti contaminati, ma può dipendere anche da ansia, da un'emozione improvvisa,da un colpo di freddo, da una interferenza di batteri intestinali innocui ma anomali (tipica la "diarrea del viaggiatore"), da allergie o intolleranze alimentari.
40 gocce 2/3 volte al giorno giorno
in due dita di acqua tiepida.
Queste gocce hanno azione astringente.
Tintura di Tormentilla g. 60
Tintura di Camomilla g. 40
Tormentilla
Passiflora
40-50 gocce più volte nella giornata
in due dita di acqua tiepida
Queste gocce hanno azione calmante.
Possono essere prese anche insieme.
Tintura di Camomilla g. 35
Tintura di Passiflora g. 30
Tintura di Anice verde g. 25
Tintura di Santoreggia g. 10
Utile anche la Propolis in gocce o in confetti
e il succo di mirtillo, che deve essere senza
zucchero. Berne un bicchiere da vino
nella giornata, non freddo.
Propolis
Alimentazione
SI
The diluito e spremute di limone. Ottima l'acqua di riso, preparata facendo stracuocere g 50 di riso in un litro d'acqua, passandola al mixer e bevuta un cucchiaio alla volta nel corso della giornata, al naturale o con l'aggiunta di zucchero e limone o brodo vegetale. Se è molto violenta, bisogna prevenire la disidratazione: sciogliere un cucchiaio da the di sale e quattro di zucchero in circa un litro d'acqua (è importante rispettare le dosi) e berne poco alla volta mezzo litro all'ora. Quando sarà cessata, riprendere a mangiare con cautela e gradualità: all'inizio pasta e riso in bianco, purè di patate o di carote.
NO
Fino a che la diarrea non scompare, non mangiare niente di solido. Poi, per qualche settimana, vietati gli intingoli e le ricette elaborate.
© Tutti i diritti riservati.