Osteoporosi
È una seria e insidiosa malattia delle ossa che colpisce soprattutto, ma non solo, le donne dopo la menopausa. L'osteoporosi si sviluppa lentamente, spesso senza dare segno di sé fino all'improvvisa comparsa di una frattura. La sua principale conseguenza è infatti la fragilità ossea, dovuta al calo dei sali minerali (specie di calcio) e alle alterazioni strutturali che rendono le ossa porose. Da qui la maggior suscettibilità alle fratture provocate anche da traumi minimi, specie al polso, al femore o alle vertebre. Queste ultime provocano dolore cronico, incurvamento della schiena e perdita di altezza e spesso non vengono nemmeno diagnosticate.
È essenziale prevenirla, mangiando cibi ricchi di calcio e facendo moto fisico specialmente entro i 35 anni, quando si è ancora in grado di accumulare massa ossea. Dopo i 50 anni, lo stesso stile di vita permette solo di rallentarla.
Infuso
Berne una tazza al mattino e una tazza
alla sera per lunghi periodi.
Coda Cavallina pianta T.T. g. 40
Ribes Nero foglie T.T. g. 30
Frassino foglie T.T. g. 30
Ribes nero
Coda cavallina
Miscela di polveri
Prenderne un cucchiaino prima
dei pasti principali con due dita di acqua
Coda Cavallina pianta polvere g. 50
Erba Medica pianta polvere g. 50
Olio essenziale di anice stellato 2%
Vino medicinale
Berne un bicchierino due o
tre volte nella giornata.
Coda Cavallina pianta T.T. g. 50
Angelica radice T.T. g. 10
Vino Passito un litro
Angelica
Bagno terapeutico
Alghe laminarie micronizzate polvere g. 200
Al mattino, versare tutta la dose nella vasca
da bagno con l'acqua a 32°e immergersi
per 10 minuti. Dopo fare la doccia.
Alimentazione
SI
Una dieta povera di calcio favorisce il progressivo impoverimento delle ossa. Essenziale mangiare a sufficienza alimenti ricchi di calcio, di origine animale come i latticini, o vegetale (semi di sesamo e miglio, cavoli, broccoli, legumi, alghe) e bere acque che ne sono contengono molto. Sempre cinque porzioni al giorno tra frutta e verdura. In particolare, i cibi ricchi di vitamina C, magnesio e potassio impediscono un'eccessiva eliminazione del calcio con l'urina: banane, patate, arance, kiwi, finocchi, carciofi, broccoli, cavolfiori, verze, cavolini di Bruxelles, rape.
NO
Attenzione a non eccedere con le proteine animali perché, acidificando il sangue, possono favorire la perdita di calcio dalle ossa. No anche all'eccesso di alcolici, di the, di caffè, di cibi integrali che interferiscono con l'assorbimento del calcio.
© Tutti i diritti riservati.